Strati di pendenza, isolamenti e massetti su coperture piane

pompaggio-leca-copertura-AE10
pendenza-copertura-piana
giffoni-multimedia-valley-copertura-solai-interpiano-leca
giffoni-multimedia-valley-copertura-solai-interpiano-leca
pendenza-copertura-acetum-cavezzo-lecacem-mini-3
pendenza-copertura-acetum-cavezzo-lecacem-mini-2
strato-alleggerimento-pendenza-copertura-lecaccem-mini-AE10
massetto-alleggerito-copertura-city-life-AE10
copertura-piana-isolamento-termico-AE10
alleggerimento-copertura-piana-AE10
pendenze-copertura-lecamix-facile-P14-13
pendenze-in-copertura-lecacem-mini-P6-13
pompaggio-leca-copertura-AE10
pendenza-copertura-piana
giffoni-multimedia-valley-copertura-solai-interpiano-leca
giffoni-multimedia-valley-copertura-solai-interpiano-leca
pendenza-copertura-acetum-cavezzo-lecacem-mini-3
pendenza-copertura-acetum-cavezzo-lecacem-mini-2
strato-alleggerimento-pendenza-copertura-lecaccem-mini-AE10
massetto-alleggerito-copertura-city-life-AE10
copertura-piana-isolamento-termico-AE10
alleggerimento-copertura-piana-AE10
pendenze-copertura-lecamix-facile-P14-13
pendenze-in-copertura-lecacem-mini-P6-13

Garantire le corrette pendenze ed evitare gli accumuli d’acqua in una copertura piana è fondamentale per il funzionamento e per la durabilità delle impermeabilizzazioni. Grazie alle soluzioni leggere ed isolanti a base di argilla espansa Leca è possibile realizzare massetti o pendenze in copertura che siano molto leggeritermicamente isolanti, estremamente resistentistabili e durabili.

Gli strati di pendenza e finitura con i premiscelati Leca consentono la posa diretta degli elementi impermeabilizzanti grazie alle ottime caratteristiche tecniche:

  • evitano il potenziale “ristagno” di acqua nel sottofondo posto in opera e la successiva migrazione verso la superficie esterna;
  • assicurano prestazioni di veloce asciugatura;
  • favoriscono l’elevata adesione dell’impermeabilizzazione allo strato isolante grazie all’ottimale coesione superficiale del sottofondo/massetto;
  • possiedono buona resistenza a compressione;
  • assicurano indeformabilità e resistenza meccanica nel tempo;
  • salvaguardano l’assenza di additivi “schiumogeni” (ad esempio impiegati per la preparazione del cemento cellulare), potenzialmente aggressivi nei confronti del manto impermeabilizzante.

È importante sottolineare come alla luce delle norme UNI 8178-1: 2019 e UNI 8178-2- 2019 “Edilizia – Coperture” riguardanti “Analisi degli elementi e strati funzionali delle coperture continue e discontinue e indicazioni progettuali per la definizione di soluzioni tecnologiche” la pendenza dell’elemento di tenuta (manto impermeabile) è sempre necessaria. Ad esempio è possibile intervenire attraverso la formazione di uno strato (in Lecamix/Lecacem) con una pendenza minima dell’1% (1,5% per “coperture rovesce” e 3% di tenuta rivestito in lamiere metalliche), realizzato direttamente sull’elemento portante e direzionato verso la linea di conversa e/o verso gli elementi di raccolta e smaltimento (come i pluviali) delle acque meteoriche al fine di evitare zone di ristagno di acqua.

Richiedi informazioni

Richiedi informazioni


    I campi contrassegnati con * sono obbligatori

    Iscriviti a LecaNews, la newsletter del gruppo Laterlite che ti tiene costantemente aggiornato sulle novità, le soluzioni e i sistemi tecnici del mondo Leca.

    Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

    Privacy*

    I campi contrassegnati con * sono obbligatori