Palazzo del Governatore di Parma

palazzo-governatore-parma-calcestruzzo-leggero-strutturale-1
palazzo-governatore-parma-calcestruzzo-leggero-strutturale-3
palazzo-governatore-parma-calcestruzzo-leggero-strutturale-2
palazzo-governatore-parma-calcestruzzo-leggero-strutturale-7
palazzo-governatore-parma-calcestruzzo-leggero-strutturale-6
palazzo-governatore-parma-calcestruzzo-leggero-strutturale-5
palazzo-governatore-parma-calcestruzzo-leggero-strutturale-4
palazzo-governatore-parma-calcestruzzo-leggero-strutturale-1
palazzo-governatore-parma-calcestruzzo-leggero-strutturale-3
palazzo-governatore-parma-calcestruzzo-leggero-strutturale-2
palazzo-governatore-parma-calcestruzzo-leggero-strutturale-7
palazzo-governatore-parma-calcestruzzo-leggero-strutturale-6
palazzo-governatore-parma-calcestruzzo-leggero-strutturale-5
palazzo-governatore-parma-calcestruzzo-leggero-strutturale-4

Tipo di intervento 

Solidi ma leggeri, pronti per sostenere il carico delle nuove funzioni collettive ma con un impatto minimo sulle strutture esistenti: parliamo dei solai lignei del Palazzo del Governatore di Parma, recuperati nell’ambito del progetto di restauro conservativo dell’edificio. Questo brillante risultato tecnico è stato raggiunto grazie alle caratteristiche tecniche del calcestruzzo strutturale leggero.

Il Palazzo del Governatore di Parma si affaccia su piazza Garibaldi e collega fra loro due edifici risalenti al Duecento. Lungo 75 metri, il complesso porta incastonata al centro una torre barocca del 1673 dove trovano spazio la campana dell’alta torre civica crollata all’inizio del XVII secolo e due meridiane risalenti ai primi dell’Ottocento. Nell’ambito dei lavori di restauro e riqualificazione funzionale del palazzo, uno degli interventi più delicati e importanti è stato quello del recupero dei solai lignei. A tale riguardo, il problema principale da risolvere in fase esecutiva era il consolidamento delle strutture esistenti: il progetto imponeva infatti di riportare i solai in efficienza staticariducendo al massimo il carico aggiunto sulle strutture esistenti, garantendo allo stesso tempo una resistenza meccanica adeguata alle normative vigenti e soprattutto alle nuove esigenze d’uso. L’obiettivo complessivo, così ambizioso e impegnativo, è stato raggiunto grazie all’impiego dell’argilla espansa Leca, in grado di coniugare la leggerezza intrinseca di questo materiale con elevate prestazioni in opera. Il problema è stato infatti risolto realizzando un nuovo solaio collaborante con struttura mista legno-calcestruzzo, mantenendo le travature esistenti e utilizzando come rinforzo un getto di calcestruzzo strutturale alleggerito con argilla espansa Leca. Il calcestruzzo strutturale leggero è alleggerito con una speciale argilla espansa Leca ad alta resistenza, denominata Leca Strutturale; l’intero calcestruzzo è stato preconfezionato in centrale di betonaggio.

Nel dettaglio, per l’intervento di consolidamento dei solai del Palazzo del Governatore di Parma, che interessato complessivamente tutti e due i piani, sono stati gettati complessivamente circa 150 m³di calcestruzzo strutturale leggero, con densità in opera di circa 1.700 kg/m³ e una resistenza a compressione caratteristica di 30 N/mm². L’impiego del calcestruzzo strutturale leggero con argilla espansa Leca ha permesso una notevole riduzione di peso, pari a circa 700 kg/m³, assicurando elevati standard di resistenza e velocità di messa in opera; infatti il calcestruzzo è stato è stato posato direttamente in opera con pompaggio da autobetoniera, un metodo che ha consentito di superare le difficoltà di accesso al sito del cantiere e di ridurre concretamente i tempi di lavorazione.

Richiedi informazioni


    I campi contrassegnati con * sono obbligatori

    Iscriviti a LecaNews, la newsletter del gruppo Laterlite che ti tiene costantemente aggiornato sulle novità, le soluzioni e i sistemi tecnici del mondo Leca.

    Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

    Privacy*

    I campi contrassegnati con * sono obbligatori